QUELLO CHE (FORSE) NON SAI SUI TUOI CAPELLI

Dopo l’estate prendiamoci cura dei nostri capelli!

Pare che la fine dell’estate sia il periodo in cui ne cadono di più. Parliamo di capelli, naturalmente, non delle foglie!
Ogni giorno ne perdiamo da 50 a 100 e sebbene il numero sembri elevato è del tutto naturale: fa parte del fisiologico e continuo ricambio dovuto all’attività ciclica dei follicoli piliferi nei quali si alternano periodi in cui il capello viene prodotto e cresce ad altri di riposo che culminano con la sua caduta. Questa attività non è sincrona come negli animali (per nostra fortuna) ed ogni follicolo lavora in modo indipendente.

LA REGOLA DEI 100 GIORNI!

Talvolta il numero dei capelli che cadono aumenta e spesso basta tornare indietro di qualche mese con la memoria per scoprirne la causa.
La fase telogen (quella finale in cui il follicolo pilifero va in riposo interrompendo il processo di crescita del capello e che termina con la sua caduta) dura circa 100 giorni per questo  spesso è possibile risalire alla causa di una caduta “importante” riflettendo su cosa è successo tre mesi prima: una  dieta troppo drastica con un rapido calo del peso (pare che già una dieta di 1500 kcal inneschi la caduta), un intervento chirurgico, trattamenti farmacologici, l’interruzione di contraccettivo, il parto (in questi ultimi due casi la causa è determinata dalla brusca “caduta” dei livelli di estrogeni)…

IL SOLE: UNO DEI LORO PEGGIORI NEMICI!

Durante l’estate, una eccessiva esposizione del capo al sole può essere causa di un’infiammazione del cuoio capelluto che induce un’eccessiva caduta dei capelli in autunno. E’ a causa di questa esposizione che secondo gli studi più recenti in autunno cadono di più ed è per questo che i dermatologi suggeriscono di proteggersi indossando un cappello o utilizzando un’adeguata protezione solare anche sul capo.

QUALCHE “CREDENZA” INFONDATA!

Lavare spesso i capelli non li danneggia, semplicemente con il lavaggio si favorisce meccanicamente il distacco di quelli che sarebbero comunque caduti. E’ però importante utilizzare prodotti di buona qualità in quanto gli shampoo aggressivi possono danneggiare il fusto e quindi favorire la disidratazione del capello, la sua fragilità e le doppie punte.
E ancora, i lavaggi frequenti non rendono i capelli “più grassi” per effetto rimbalzo, la secrezione sebacea non è infatti influenzata dal lavaggio, anzi: l’accumulo di sebo causa infiammazione del cuoio capelluto e le citochine infiammatorie determinano un’aumentata caduta dei capelli.
Tagliare i capelli non li rinforza, può essere utile se sono presenti doppie punte o altre alterazioni esterne del fusto, ma non è di alcuna utilità in caso di caduta o di diradamento. La percezione che si irrobustiscano è determinata dal fatto che viene tagliata l’estremità del capello che è naturalmente più sottile.
La tintura o la permanente non fanno cadere i capelli se correttamente effettuate, poichè non agiscono sull’attività del follicolo. Attenzione però a come vengono fatte: se la tintura non è risciacquata correttamente ed oltre al capello rimane colorato anche il cuoio capelluto significa che il colorante è penetrato attraverso la cute. Questo può causare irritazione al cuoio capelluto e conseguente caduta dei capelli! O ancora, una permanente mal eseguita può far sì che i capelli si spezzino maggiormente. Attenzione anche agli ingredienti di questi trattamenti: è possibile che un’allergia alle tinture o a prodotti per le permanenti possa provocare la caduta dei capelli.
Usare spesso il cappello o il casco non aumenta la caduta dei capelli, anzi, come si è detto, d’estate è sempre opportuno indossare il cappello per proteggere il cuoio capelluto dal sole che invece può essere causa di aumentata caduta di capelli.

COME MANTENERE SANI I CAPELLI?

Innanzitutto con un’alimentazione sana e variata che resta la prima regola da seguire anche per il benessere dei nostri capelli.
Alcuni nutrienti, minerali e vitamine sono proprio indispensabili alla loro salute ed altre sostanze aiutano a mantenerla.
La metionina e la cistina, due amminoacidi solforati (si chiamano così a causa dello zolfo dentro la loro struttura), sono i veri e propri “mattoncini” della cheratina di cui è costituito il fusto del capello.
Quando il loro apporto dietetico è insufficiente (diete povere di proteine, malassorbimento intestinale…) i capelli diventano più deboli, fanno fatica a crescere e cadono.
Lo zinco è un microelemento fondamentale per lo sviluppo di un capello sano: interviene nella sintesi proteica e agisce sull’attività del follicolo pilifero.
La biotina o vitamina H favorisce il mantenimento di capelli, mucose e pelle in salute ed il suo beneficio si ottiene anche in assenza di una sua carenza effettiva.
La natura ci offre dei validi aiuti per sostenere la salute dei nostri capelli (ma anche delle nostre unghie)!!!
L’ equiseto è considerato una vera e propria pianta rimineralizzante, grazie al suo elevato contenuto di silicio, elemento fondamentale per la sintesi delle fibre di collagene e per la crescita di capelli più folti e più robusti!
L’ ortica, anch’essa rimineralizzante, possiede un’azione seboregolatrice ed antinfiammatoria, e l’eccesso di sebo del cuoio capelluto abbiamo già detto essere responsabile di uno stato infiammatorio che favorisce la caduta dei capelli!
Inoltre l’ortica stimola la circolazione sanguigna a livello del cuoio capelluto, favorendo in tal modo l’apporto di ossigeno e delle altre sostanze ai follicoli piliferi.

Tutto questo noi lo abbiamo messo nel nostro VEROCAP!!!!

Qualora si soffra di patologie e/o si stiano assumendo farmaci è importante riferirlo sempre al farmacista e consultarsi con lui prima di assumere qualunque integratore. 
2020-10-02T10:28:08+00:00 01/10/2020|

Entra nella community della Farmacia Favero per rimanere sempre aggiornato su eventi, novità e promozioni.

×